Pancia gonfia

Tabella 9. Tempo di permanenza dei cibi nello stomaco

TEMPO SOSTANZE ALIMENTARI
Fino a 30’ Glucosio, fruttosio, miele, alcolici (tutti in piccole quantità).
Da 30’ a 60’ Thè, caffè, latticello, latte magro, brodo povero di grasso, bibite
zuccherate del commercio.
Da 60’ a 120’ Latte, yogurt, cacao, formaggio magro, pane bianco, uova bazzotte,
purè di patate, riso asciutto, pesce cotto.
Da 120’ a 180’ Carne magra, legumi verdi cotti, carote cotte, patate in camicia e salate,
pasta cotta, uova strapazzate, omelette, banane, bistecca tartara.
Da 180’ a 240’ Pane nero, formaggio, frutta, legumi al vapore o in forno, insalata
verde, gallina o pollo, carne di vitello e filetto ai ferri, patate arrosto,
prosciutto, pasticcini al burro.
Da 240’ a 360’ Arrosti, pesci arrosto, bistecca ai ferri, pisellini, lenticchie, fagioli bianchi
o verdi, salsa “Bolognese”, torte al burro o alla crema
Circa 360’ Lardo, salmone affumicato, tonno sott’olio, insalata di cetriolo,
peperoni, fritture (per esempio patate fritte, chips), arrosto o cotoletta
di maiale, funghi.
Fino a 480’ Sardine sott’olio, oca arrosto, zampetto di maiale, crauti, diverse
specie di cavolo.
(da Pitzalis G, Lucibello M. Il cibo: istruzioni per l’uso, Milano, F. Angeli Ed. 2002, modificata e integrata da prof. Rossi PL)
 

 

Per la pancia gonfia...

Quando il problema è la “pancia gonfia”, l’elemento incriminato è spesso un eccesso di gas. Utile in questi casi – come si è visto prima – masticare bene, deglutire con calma i cibi e scegliere accuratamente quelli che hanno una minore probabilità di aumentare il contenuto intestinale di gas.

 

A livello di farmaci, come si è detto prima, non ci sono a disposizione prodotti particolarmente efficaci, tranne ovviamente per la cura di malattie ben definite. Possono invece rivelarsi molto utili prodotti naturali descritti in questa pagina.

L'equilibrio parte dal centro
Compila il Questionario per valutare il tuo stato di benessere e fornirti risultati utili a prevenire l'insorgenza di fattori di rischio

Vai al questionario Compila direttamente online

 
Consigli igienico-alimentari per ridurre il reflusso e migliorare la digestione

  • Ridurre il peso in eccesso: il sovrappeso e l’obesità peggiorano notevolmente il reflusso!
  • Sollevare il letto di circa 20 cm dalla parte della testa in modo da ridurre i reflussi notturni
  • Evitare il consumo di pasti veloci e/o fuori orario; masticare bene i cibi prima di ingoiarli.
  • Far trascorrere almeno due ore dall’ultimo pasto prima di assumere la posizione orizzontale o di andare a letto.
  • Evitare il fumo e bevande alcoliche.
  • Praticare attività rilassanti e non impegnative dopo un pasto (camminare, leggere, chiacchierare, ecc.) ed evitare di fare attività fisiche che prevedono sforzi intensi (ad es. body building).
  • Escludere o ridurre molto i cibi che rimangono più a lungo nello stomaco o per la loro composizione o per il modo con cui sono stati preparati (vedi Tabella 9).
  • Cucinare in maniera semplice riducendo i condimenti grassi (olio, burro, maionese..), evitare cibi fritti e alcuni alimenti tra cui pomodoro, cipolla, menta, cioccolato, tè, cibi grassi e piccanti. Cercare di individuare da soli gli alimenti che peggiorano la digestione o il reflusso acido.
  • Evitare pasti molto abbondanti soprattutto alla sera, ma distribuire con regolarità i cibi durante il giorno; non coricarsi nelle prime tre ore dopo aver mangiato.